Aliens: Colonial Marines – Stasis Interrupted

La prima cosa che pensi appena iniziato a giocare è: “È una figata!” Splendido il fatto che gli Alien entrino ed escano dai condotti dell’areazione e uno sia costretto ad usare il motion tracker. Atmosfera a palla e nessuno dei problemi di presentazione del gioco principale.

Le tre storie che compongono i quattro capitoli sono migliori di tutto il gioco principale e i protagonisti hanno più carisma. Inoltre l’espansione mi è durata più del gioco principale anche perché più tesa e meno spezzettata. Il buon finale lascia l’amaro in bocca perché sai già che il finale della campagna principale è una delusione.

Poi però ti rendi conto che i difetti in realtà ci sono e sono innegabili. Non solo, qui danno ancora più fastidio perché qui la qualità generale è superiore: terribile il problema del caricamento delle texture dopo ogni reload e decisamente fastidiosa la pessima recitazione dei modelli in-game (Hicks dà fastidio da quanto è realizzato approssimativamente). Inoltre, per quanto la trama sia migliore della campagna principale, pochi giorni dopo averlo finito non vi rimarrà comunque molto impresso nella memoria.

Il consiglio per i giga-fan di Alien come il sottoscritto (che tanto il gioco lo vorranno provare comunque) è di acquistare il titolo con il season-pass durante una svendita (meglio la versione PC che con le molteplici patch è migliorata non poco) e di giocare immediatamente a Stasis Interrupted e di considerare la campagna principale come il DLC.



'Aliens: Colonial Marines – Stasis Interrupted' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Scritto con amore e in velocità da Tommaso Urban :)