Pain & Gain – Muscoli e Denaro

Trilogia di Transformers a parte non ho niente di particolare contro Michael Bay e Pain & Gain è probabilmente il suo miglior film.

In questa sua versione di una vera storia di rapimenti ed estorsioni da parte di un gruppo di culturisti nella Miami degli anni ‘90, tutto lo stile di Bay e il suo utilizzo di icone e stereotipi della cultura americana lavorano a favore del cinismo di cui è pervasa la pellicola. L’America e i suoi miti vengono dissacrati per mano di quello che è stato a lungo ritenuto dalla critica il suo più grande creatore di propaganda contemporanea.

Bay conosce l’America, il suo pubblico principale e proprio per questo riesce a colpirli e deriderli dove più fa male.

Altro merito della pellicola è quello di riuscire a calarti completamente nelle emozioni dei tre (stupidi) protagonisti: cosa non facile e che farà pensare a più di qualcuno che abbia un problema di ritmo. Per me non è così: semplicemente, a un certo punto, i tre protagonisti non sanno più che cazzo fare!

Film gemello a “The Social Network” per tono e idea di stile (Bay e Fincher d’altronde sono co-fondatori della Propaganda Films), posso dire che questo è il suo “Quei Bravi Ragazzi”? Lo dico e chi non è d’accordo, si fotte.




'Pain & Gain – Muscoli e Denaro' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Scritto con amore e in velocità da Tommaso Urban :)