Prometheus

Dopo mesi su mesi spesi ad evitare spoiler e discussioni su Prometheus, che grazie alla geniale distribuzione italiana è uscito praticamente 4 mesi dopo la release UKUSA, sono finalmente riuscito a vedere il nuovo film di Ridley Scott. E secondo me ne è valsa la pena.

Indipendentemente dai vostri gusti e dalle valutazioni su trama etc. vi consiglio di andarlo a vedere in 3D perchè per la prima volta dopo Avatar è utilizzato in maniera praticamente perfetta.

Venendo al film, come sempre attenzione agli SPOILER necessari per poterne discutere.

Nonostante la rete si sia scagliata sul film e su dei teorici buchi nella trama durante la visione non ho trovato niente di particolarmente fastidioso ad eccezzione dei due scienziati che si perdono nella caverna (uno dei quali è stato mostrato poco prima alla guida dell’esplorazione della stessa). Comunque sia ho al contrario apprezzato il fatto che poco o nulla venisse spiegato nell’avanzare del racconto (l’esatto opposto di Nolan e del suo costante bombardamento di nozioni-spiegazioni inutili) lasciando allo spettatore il compito di colmare il non detto.

Ancora meglio, ho trovato incredibile come un blockbuster estivo americano ad alto budget metta in scena delle teorie di creazione dell’umanità completamente contro ai concetti religiosi, metta in scena la differenza tra fede e scienza e rappresenti un aborto in una luce estremamente positiva. Una bella differenza rispetto all’offerta ultra-conservatrice di questo genere di film.

Ho inoltre applaudito al ritorno del body-horror, genere da lungo assente dal grande schermo (per lo meno in forma. Il prequel de “La Cosa” ci ha provato, ma non puoi fare body horror con la computer grafica, non ha abbastanza fisicità-raccapriccio).

Grazie Scott. Questa fantascienza mi mancava. Adesso attendo il seguito con le avventure spaziali di Shaw e la testa di David (perchè mi ricorda Deadpool)?




'Prometheus' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

Scritto con amore e in velocità da Tommaso Urban :)